Piombino non deve chiudere

Per favore abilita Java Script nel tuo browser o usa un altro browser per visualizzare questo video. Potresti anche aver bisogno di aggiornare il tuo lettore flash.
Descrizione

"Piombino non deve chiudere": è stato questo lo slogan dominante sugli striscioni che in 10 mila hanno portato in lungo e largo per le vie di Piombino, per dire "no" alla chiusura dell'altoforno della ex Lucchini. Operai, studenti, commercianti sono scesi in piazza per ribadire che "il lavoro in questa città non deve morire", a rischio più di 2 mila persone! Uno sciopero generale che a distanza di giorni ancora continua a far parlare di sè, organizzato da Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm Uil forte della partecipazione di Bonanni, Camusso, Angeletti, mondo politico locale e nazionale, delegazioni di lavoratori provenienti da tutta Italia.

8 ottobre 2013