Descrizione

Sono in pensione da circa dieci anni ed ho iniziato a lavorare nel 1964. In quegli anni il lavoro non mancava, era facile trovarlo. Ho avuto un'esperienza abbastanza importante nel settore tessile e mi sono resa conta subito che i diritti dei lavoratori ed i contratti non venivano sempre rispettati quindi ho cercato un sindacato e sono approdata alla Cisl. La situazione oggi è un po' cambiata, è più difficile soprattutto per i giovani che hanno difficoltà a trovare un lavoro. Noi pensionati questo problema lo sentiamo più di altri proprio perché abbiamo vissuto una stagione di piena occupazione e pensiamo a dare una mano ad esempio inserendoli all'interno del sindacato facendo capire loro come funziona creando anche delle condizioni per un futuro migliore. Nel frattempo anche l'organizzazione sta vivendo una profonda crisi. Il sindacato è stato forte quando ha portato a casa il risultato. Oggi la crisi economica tende a cancellare alcuni diritti duramente conquistati quindi l'organizzazione fa fatica a conservare la sua "popolarità", il suo consenso. Questo purtroppo accade anche per il giudizio che i media e lo stesso governo esprimono rispetto al nostro ruolo. Dobbiamo recuperare consensi fra i lavoratori perché non c'è un'altra forma di organizzazione che possa tutelarli per fare delle rivendicazioni.

12 Novembre 2015