You Work - 1 puntata

Per favore abilita Java Script nel tuo browser o usa un altro browser per visualizzare questo video. Potresti anche aver bisogno di aggiornare il tuo lettore flash.
Descrizione

Parte oggi il programma ideato da Raffaella Vitulano sul variegato mondo del lavoro. Nulla è lasciato al caso in questo format estremamente curato nei contenuti e nella forma, che si avvale della parola e delle esperienze dei lavoratori e delle immagini riprese e montate da professionisti del settore per valorizzare nel contrasto la spontaneità dei veri protagonisti, uomini e donne che fanno, hanno fatto e faranno sempre più grande il lavoro. Nel corso delle varie puntate, sarà possibile guardare le videointerviste ai lavoratori e scorrere le offerte di lavoro della settimana fornite dalle più note agenzie interinali. Scopriremo insieme il made in Italy nei mestieri e nei prodotti che l'hanno reso grande. Infine, daremo la parola ai ragazzi delle scuole, per ascoltare i loro sogni e speranze per il mondo del lavoro, in una contaminazione stilistica tra antico e contemporaneo, il tutto in chiave creativa, sperimentale e d'avanguardia, come se la puntata fosse un lungo videoclip.

In questa prima puntata: Storia di un boscaiolo. O meglio, di generazioni di boscaioli. E prima di loro, gli avi carbonai. Il mestiere antico: il cantastorie. Lavoravano e lavorano soprattutto in Sicilia. Ascoltate cosa raccontava Cicciu Busacca negli anni '70. La foto storica. I minatori inglesi del 1882. Nasce il dressing code, meglio detto abito da lavoro. Il made in Italy. Incantava con la sua filosofia d'impresa. I dipendenti erano entusiasti. Eppure, qualcuno non ha creduto in lui. Parliamo di Adriano Olivetti, in un dialogo surreale. Gli annunci della settimana a cura delle agenzie del lavoro. Il nostro futuro. La clip dei sogni di due ragazzi all'ultimo anno di studi. Oggi ci sono Malek ed Eleonora, rispettivamente, studente di meccanica, che sogna di riparare moto da corsa e studentessa della Scuola d' Arte che aspira a specializzarsi e lavorare nel campo dell'arte. (8 giugno 2011)

Condividi

Facebook! Twitter Google! Live! Yahoo!