Link del video
Codice di inclusione

Fisco facile - Puntata 8

Per favore abilita Java Script nel tuo browser o usa un altro browser per visualizzare questo video. Potresti anche aver bisogno di aggiornare il tuo lettore flash.
Descrizione

QUANDO IL FISCO CHIEDE IL CONTO

In studio: Livia Parisi

Ospiti: Franco Galvanini (Caf della Cisl) e Roberto Ceccherini, (Servizi amministrativi fiscali della Cisl)

Come fare per correggere le dichiarazioni dei redditi se si sono fatti errori nella compilazione o si sono dimenticate spese detraibili o deducibili? Sia 730 che Unico possono essere rettificati presentando, entro il termine ordinario di presentazione della dichiarazione, un secondo modello "rettificativo" di quello appena consegnato o spedito. Nel caso in cui i termini, invece, siano già scaduti va presentato un modello "integrativo". Il principale strumento che il Fisco mette a disposizione di chi si ravvede e decide di regolarizzare i propri illeciti fiscali, è il "ravvedimento operoso", che prevede sanzioni ridotte si effettua spontaneamente il pagamento dei tributi non versati.

Il fisco insomma viene incontro al cittadino che decide di sanare la propria posizione fiscale e fa in modo di invogliare l'emersione del sommerso. Nonostante questo l'evasione fiscale è ancora uno dei principali problemi che attanagliano il nostro Paese. I lavoratori autonomi e gli imprenditori dichiarano il 56,3% in meno di quanto incassano, occultando al Fisco, in media, 15.222 euro a testa. Ancor peggio fanno i proprietari di casa, che non dichiarano addirittura l'83,7% dei loro redditi immobiliari, pari a 17.824 euro medi pro-capite. È quanto si apprende dal rapporto "Economia non osservata" , stilato da un gruppo di lavoro guidato dal presidente dell'Istat, Enrico Giovannini.

Gli strumenti che il fisco può impiegare nella lotta contro l'evasione fiscale hanno conosciuto, nel tempo, una progressiva espansione. Ad oggi, quali sono le tipologie di accertamento effettuabili dall'Amministrazione Finanziaria? Che differenza c'è tra accertamento analitico e sintetico? E tra spesometro e redditometro? Cosa fare se si riceve una comunicazione di irregolarità?

La legislazione disincentiva il contenzioso attraverso diversi strumenti. Per ridurre il numero di liti, che sono sempre costose per tutti, è nato nel 2000 il Garante del contribuente, l'organo collegiale che ha il compito di verificare, attraverso accessi agli uffici e esame della documentazione, le irregolarità e le disfunzioni dell'attività fiscale segnalate dai contribuenti e diminuire il numero dei ricorsi tributari.

Nell'ottava puntata di Fisco Facile ci occuperemo di come fare per sanare i contenziosi col fisco o, meglio ancora, evitarli, insieme a Franco Galvanini, responsabile area fiscale del Caf della Cisl, e Roberto Ceccherini, dei Servizi amministrativi fiscali della Cisl,  lo sportello dedicato ai lavoratori automi, piccole e medie imprese, cooperative e associazioni.